Bitcoin: la rete sociale BitPay

Questa settimana la community Bitcoin non si sta prendendo cura di BitPay.

Gli sviluppatori influenti accusano il significativo processore di pagamento delle frodi, i consumatori di Bitcoin sui siti web interpersonali chiedono boicottaggi, bitcoin.org sta rimuovendo le raccomandazioni dei prodotti dell'azienda e lo sviluppatore di NBitcoin Nicolas Dorier ha avviato un'iniziativa per finanziare un certo numero di progetti di BitPay.

È particolarmente progettato per offrire una piattaforma di sviluppo, insieme alla quale non è difficile costruire tutti i tipi di applicazioni Bitcoin. Chiunque può utilizzare questa applicazione open source; un certo numero di quelle applicazioni più conosciute che lo utilizzano includono il servizio di streaming video Streamium, l'interfaccia web di Trezor e il portafoglio personale Copay di BitPay.

Entro un paio di giorni, molto probabilmente il 23 agosto, si attiverà il tanto atteso aggiornamento del protocollo Bitcoin Segregated Witness (SegWit). Apparentemente in risposta a questo aggiornamento, BitPay ha pubblicato un articolo del blog intitolato Che utenti Bitcore devono sapere per essere preparati per l'attivazione SegWit.

Il "rischio importante" che è (o non è) SegWit.

Il primo problema non è il problema più importante, ma vale la pena menzionarlo, a prescindere. Riguarda l'argomento dell'articolo del blog stesso: Testimone segregato.

Nell'articolo del blog, BitPay afferma:Una breve discussione sul layout del meccanismo di Bitcoin. proporzionale alla potenza

I nodi che trascurano di aggiornare per incoraggiare SegWit dovranno affrontare rischi significativi per la sicurezza, incluso il rischio di frodi sulle transazioni a doppia spesa.

Questo è apparentemente un po 'esagerato.

Il testimone segregato è progettato specialmente per essere compatibile con le versioni precedenti. I nodi regolari che non aggiornano rimangono parte della rete Bitcoin. E, soprattutto, dal momento che SegWit è stato innescato da una maggioranza unanime del potere hash, tutti i minatori dovrebbero implementare le regole. Pertanto, le transazioni che non sono valide secondo le regole non dovrebbero mai essere accettate in nessun cubo Bitcoin. Anche i nodi non aggiornati non dovrebbero trovare affermazioni di questo tipo.

È vero che – come tutte le altre soft fork precedenti a SegWit – ci sono alcuni rischi maggiori per i nodi non aggiornati. E in un altro articolo del blog, BitPay fornisce maggiori dettagli e sfumature riguardo la circostanza.

Tuttavia, il tono un po 'allarmista del primo post sul blog sembra in qualche modo superfluo. Pertanto, per molti sembra aver avuto l'obiettivo specifico di forzare i consumatori verso un aggiornamento del software per ragioni molto diverse.

  • Il che ci porta al prossimo punto…
  • Il "Upgrade" That's (o Is not) Bitcoin.

Anche se il tono allarmistico di BitPay sembrava un mezzo superfluo, è il finale che ha davvero torto tante persone.

In base al "New York Agreement", un consistente gruppo di società Bitcoin, i pool minerari e le persone prevedono di adottare un paio di regole di protocollo incompatibili entro novembre. Soprannominato "SegWit2x" ed eseguito nel programma BTC1 sviluppato dall'ex collaboratore di Bitcoin Core, Jeff Garzik, questa impresa avrebbe "forzato" un aumento del limite di peso del blocco di Bitcoin, consentendo blocchi fino a otto megabyte. (Se questo dovrebbe essere tecnicamente chiamato una forchetta difficile o un altcoin è discutibile, ma ricordalo per oggi.)

Il problema è che, sebbene un consistente gruppo di aziende Bitcoin – incluso, anzi, BitPay – abbia sottoscritto l'accordo di New York, questo accordo attualmente non ha un consenso a livello di settore. Ancora più importante, la comunità di sviluppo di Bitcoin ha quasi unanimemente rifiutato la proposta. C'è anche una lunga lista di aziende che non hanno mai firmato l'iniziativa in primo luogo; in effetti, molti di loro si oppongono attivamente ad esso. Inoltre, le metriche molto più casuali, come l'opinione sui social media, i sondaggi di opinione e il conteggio dei nodi di comunità, mostrano normalmente aiuti limitati per SegWit2x.

Pertanto, è probabile che SegWit2x divida per creare una nuova blockchain e denaro, non diversamente da quanto ha fatto Bitcoin Cash (Bcash). Contrariamente a Bcash, tuttavia, SegWit2x al momento non ha alcuna intenzione di scegliere un nuovo nome, né ha lo scopo di eseguire precauzioni di sicurezza come la protezione di riproduzione. (La protezione di riproduzione impedirebbe la "stessa" moneta di non essere speso intenzionalmente sulle due catene.) A tutti gli effetti, le aziende dietro SegWit2x sembrano essere impostate per affermare che questa moneta è il Bitcoin "reale", mentre la moneta che segue l'attuale protocollo Bitcoin non lo sarà.

Questo approccio è controverso. Molti utenti Bitcoin che non supportano la forchetta difficile potrebbero invece continuare a utilizzare Bitcoin così com'è, senza preoccuparsi dei rischi aggiunti (replay) o di altri inconvenienti causati da SegWit2x. E se due monete diverse affermano il titolo "Bitcoin", potrebbe causare molta confusione, per ragioni apparenti.

Indipendentemente da ciò, nell'articolo del blog di BitPay, che parla di un "upgrade" agli utenti Bitcore in preparazione di SegWit, il processore di pagamento indirizza davvero i lettori verso il software BTC1; questo è il software che incorpora il protocollo SegWit2x, piuttosto che il recente protocollo Bitcoin. Sembrava quindi che l'azienda stesse davvero cercando di trasformare i consumatori Bitcore in una moneta completamente nuova, che BitPay considererebbe "Bitcoin". Insieme al processore di pagamento inizialmente lo fece senza avvertire i consumatori di Bitcore che dopo queste istruzioni avrebbero fatto sono incompatibili con il recente protocollo Bitcoin entro novembre.

Qui sta la preoccupazione: BitPay deve aver capito che questa informazione è controversa. Non menzionando i rischi o gli impatti, l'articolo del sito sembra ingannevole.

La potenza hash che supporta (o non servizio) SegWit2x.

In fin dei conti, dopo che BitPay ha dovuto affrontare l'iniziale contrattempo a causa del suo articolo sul sito per le ragioni descritte, comprendeva un addendum.

[O] le tue istruzioni seguono questa edizione di Bitcoin poiché oltre il 95 percento dei minatori Bitcoin ha adottato Segwit2x.

Sebbene questa appendice offra solo un po 'più di emozione, è ancora una volta una piccola affermazione discutibile.

Forse la cosa più importante: se BTC1 è davvero una forca dura a novembre, BitPay a destra al momento non ha alcun modo di capire quanta potenza di hashing stia effettivamente estraendo la catena SegWit2x.

Anche se è vero che i bacini minerari rappresentano attualmente una superpotenza dell'hash power firmata all'Accordo di New York, i bacini minerari di solito non hanno il pieno controllo sulla potenza hash che è indirizzata verso i loro stessi pool. (a titolo di esempio, quando un secondo pool di miniere, Ghash.io, ha raggiunto il 50% della potenza hash completa sulla comunità un anno o due indietro, è stato chiesto a hashers di spostarsi in vari pool).

Inoltre, anche se uno specifico pool di attività minerarie limita la propria potenza hash, nulla, secondo l'accordo di New York, richiede che questi pool debbano utilizzare esclusivamente la catena SegWit2x. Poiché i minatori in genere dedicano la propria capacità di hash per massimizzare i profitti, è molto probabile che questo potere hash verrà attribuito a catene uniche in base al valore delle monete su tali catene. (Questo è quello che di solito accade con i circuiti alternativi. Allo stesso modo, proprio nelle ultime settimane alcuni firmatari dell'Accordo di New York hanno già iniziato a dirigere alcune abilità hash sulla catena Bcash.)

Nel suo addendum, BitPay apparentemente respinge queste dinamiche. Ancora una volta, questo arriva con un'aria di ingannevolezza.

Detto questo, bisogna dire che i rischi continuano a essere limitati, anche se gli utenti seguono le istruzioni di BitPay.

Questo perché BitPay non indica (attualmente) che i consumatori eseguano il software BTC1 per inviare e ricevere transazioni. Piuttosto, BitPay consiglia agli utenti di unire i loro nodi Bitcore a un nodo BTC1 per un "nodo di confine".

Fino alla difficile forchetta di novembre, l'utilizzo di BTC1 per un nodo di confine non dovrebbe arrecare alcun danno. BTC1 può essere utilizzato con tutta la rete Bitcoin fino a lì nel tempo e, in effetti, applica le nuove regole SegWit.

Se non viene intrapresa alcuna azione aggiuntiva, il nodo di confine BTC1 passerà alla blockchain SegWit2x da novembre. Tuttavia, i recenti nodi Bitcore utilizzati per inviare e ricevere transazioni non apporteranno tale modifica. Pertanto, i nodi BTC1 potrebbero semplicemente consentire il passaggio delle transazioni SegWit2x, che quindi, di conseguenza, verranno respinti dai nodi Bitcore. Questa incompatibilità tra i due nodi suggerisce davvero che nessun cubo sarebbe mai arrivato.

Pertanto, nessuno invierà o accetterà pagamenti (confermati) su un'altra moneta di quanto non intendano.

Poco prima della pubblicazione della Guida, il CEO di BitPay, Stephen Pair, ha dichiarato in annuncio alla rivista Bitcoin:

Purtroppo non era il modo in cui intendevo iniziare questa conversazione. Dovrò dire su questo argomento nel prossimo futuro, e sento di dovere alla comunità di dichiarare qualcosa. Sfortunatamente, potrebbe volerci un po 'di tempo perché questa comunicazione si verifichi perché ho altri problemi che richiedono il mio focus in questo momento.